• Home
  • Blog
  • Tinaba: Cos’è, Dove investire, Quanto costa ricaricare e Dove usare

Tinaba: Cos’è, Dove investire, Quanto costa ricaricare e Dove usare

Scritto da Emanuele Tolomei. Pubblicato in . 1 commento
Tinaba: Cos’è, Dove investire, Quanto costa ricaricare e Dove usare

Che cosa è

Tinaba è una App che consente di gestire una prepagata e un conto corrente senza costi: non è prevista alcuna imposta di bollo e non c’è alcun canone mensile; inoltre, non esistono costi di apertura. Ma che cosa vuol dire Tinaba? La parola deriva dalle iniziali dell’espressione This Is Not a Bank, a dimostrazione di come non si tratti di una banca tradizionale. Tutto è a portata di smartphone, secondo una modalità di gestione del denaro che si evolve sempre di più. In una sola applicazione sono racchiusi numerosi servizi, dai risparmi alla raccolta fondi, dagli investimenti alle condivisioni. E, ovviamente, anche i trasferimenti di denaro e i pagamenti. Ogni aspetto è di facile gestione, e si può tenere il conto sempre con sé, proprio come con un telefono.

Aprire un conto

La procedura da seguire per l’apertura di Tinaba è davvero semplice: tutto avviene come con un qualsiasi conto digitale, e si può aprire dal sito o direttamente tramite l’applicazione. Nel momento in cui ci si registra a Tinaba si apre un conto gratuito con Banca Profilo. In questo modo si può accedere a una grande varietà di funzionalità, decisamente più numerose e interessanti rispetto a quelle di un conto bancario tradizionale. Al conto è associata una carta prepagata, e non ci sono costi aggiuntivi o nascosti. È possibile effettuare bonifici e farsi accreditare lo stipendio; ovviamente è garantito l’addebito diretto delle utenze, così come si può provvedere al pagamento delle tasse, delle multe e delle bollette.

Caratteristiche più interessanti

Al di là delle funzionalità tradizionali, Tinaba permette a tutti gli utenti di condividere le spese: ciò è possibile per effetto della creazione gratuita di gruppi, senza limiti di numero e persone. Ancora, è prevista l’opportunità di scambiare soldi in maniera istantanea. Insomma, ci si può divertire a fare shopping con gli amici, ovviamente a condizione che anche loro abbiano un conto Tinaba. Il tutto è immediato e facile, perché pensa a tutto il sistema: a distribuire i resti, le quote e i soldi.

Che documenti servono

Per l’apertura di un conto c’è bisogno di un documento di identità (vanno bene sia la carta di identità che il passaporto) e del codice fiscale. La richiesta di due documenti è finalizzata a garantire standard di sicurezza più elevati per il riconoscimento degli utenti. La carta viene emessa a titolo gratuito, subito dopo che la registrazione è stata effettuata, in automatico. Tutte le operazioni – vale la pena di ribadirlo ancora una volta – sono senza costi. Nei Paesi della Ue, i prelievi ATM sono gratuiti le prime 24 volte all’anno; dopodiché avranno un costo di 2 euro. Nei Paesi extra Ue, invece, il costo è sempre di 4 euro.

Dove Investire

Pensare che Tinaba serva solo ai normali pagamenti vorrebbe dire limitare le funzionalità di questo strumento. Esso, infatti, offre anche la possibilità di investire: merito del servizio di RoboAdvisor, che mette a disposizione una gestione a costi ridotti e senza vincoli. Così, si può accedere al Roboadvisor partendo da un investimento iniziale di 2000€, si può scegliere il proprio profilo di rischio tra quelli suggeriti dal sistema e lo si può modificare in maniera rapida in qualsiasi momento, si è sempre liberi di ridurre o incrementare il proprio investimento. Un’altra possibilità interessante è quella che permette di congelare il capitale che è stato investito: un’occasione che si può cogliere in momenti molto negativi del mercato, per non patirne le conseguenze.

RoboAdvisor

RoboAdvisor si avvale in ambito digitale della competenza di una private bank come Banca Profilo, che è una delle più solide nel nostro Paese, la cui clientela è rappresentata dai grandi investitori. Ciò non toglie, però, che anche gli utenti che hanno risparmi di entità inferiore abbiano la possibilità di sfruttare questa occasione. È di appena 2mila euro, infatti, la soglia di ingresso prevista da Tinaba Robo Advisor. Ogni utente ha la possibilità di gestire come vuole la propria esposizione al rischio, e ovviamente si può cambiare nel tempo secondo i livelli indicati dalla normativa MiFid in vigore..

Come si paga

Grazie a Tinaba è possibile pagare direttamente con la propria app usando un QR code negli esercizi e nei negozi convenzionati, oppure con la propria carta negli esercizi del circuito Mastercard. Essa viene messa a disposizione una volta che il conto è stato attivato, a costo zero. Non sono previsti limiti a proposito del numero di volte in cui la carta può essere ricaricata. La carta Tinaba è compatibile con tutti i servizi di mobile payment più importanti, come per esempio Apple Pay, FitBit Pay, Garmin Pay, Samsung Pay, Google Pay e SwatchPay. I pagamenti sono semplici e istantanei, ed è possibile abilitare la prepagata al cashback di Stato, con la registrazione all’app Nexi Pay o all’app IO (in questo secondo caso è necessario essere in possesso dello SPID).

Informazioni sul conto

Una volta aperta la app, nella home viene mostrata la disponibilità complessiva, con riferimento non solo al conto ma anche ai gruppi di spesa e alla carta. Essa è suddivisa, poi, tra il denaro in condivisione nei gruppi e quello che compone il saldo della carta e del conto. Per ricaricare il conto è sufficiente recarsi nella sezione denominata “I tuoi soldi”, ma è possibile anche spostare il denaro sulla carta. La ricarica è immediata, e può essere effettuata sia con i soldi che provengono dal conto che con quelli di un gruppo di spesa.

PROSPETTO DELLE PRINCIPALI CONDIZIONI

Start*Premium**
Spese di attivazione (comprensive del costo della prima
ricarica)
0,000,00
(*) Le tariffe riportate nel presente prospetto alla colonna “Start” si riferiscono alle commissioni standard previste per i clienti che attiveranno il proprio wallet tramite Canale Digitale.
(**) I Clienti “Tinaba Premium” godranno dell’applicazione delle tariffe agevolate riportate nel presente prospetto alla colonna “Premium”, a fronte della sottoscrizione di specifica convenzione e attivazione della c.d. “membership Tinaba Premium”.
Servizi di pagamento
Ricarica del wallet tramite carte di pagamentoPrima ricarica post attivazione
gratuita, poi:
1,49€ per importi operazione
minori di 150€;
gratis per importi operazione
maggiori o uguali a 150€
0,00
Bonifico SEPA (2) disposto tramite il Canale DigitalePrimi 4 bonifici del mese gratis,
poi 0,49
0,00
Bonifico Extra SEPA (2) in euro disposto tramite il Canale Digitale==(*)==(*)
Bonifico Extra SEPA (2) in altre valute disposto tramite il
Canale Telefonico
==(*)==(*)
Ricarica carta prepagata0,99;
Prime 2 ricariche del mese gratis
se l’importo operazione è
maggiore o uguale a 20€
0,00 se l’importo operazione è
maggiore o uguale a 20€;
0,99 se l’importo operazione è
minore di 20€
Bollettini CBILL (compreso PagoPA), MAV e RAV2,50Primi 5 dell’anno di membership
Tinaba gratis, poi 2,50
Ricarica del wallet tramite carte di pagamento
Limite minimo singola operazione10,0010,00

Per quanto riguarda la versione Premium, la registrazione è gratuita, poi i costi sono €5.99 al mese per 12 mesi o annuale di €49.99. Guarda il dettaglio alla pagina dedicata

Gruppi condivisi

Per un acquisto istantaneo, ma anche per poter contare su un fondo cassa, è possibile creare uno o più gruppi con i propri contatti: così, nel momento in cui se ne avrà la necessità ci saranno già i soldi pronti per essere spesi. Per creare un gruppo è necessario recarsi nella sezione Community, e da qui è possibile invitare le altre persone a condividere il denaro. Tutti i partecipanti sono informati di qualunque transazione e di tutti i movimenti di denaro in tempo reale.


Articoli correlati
Scritto da Emanuele Tolomei. Pubblicato in . Lascia un commento
Quatta quatta, Epipoli, si sta affermando nel mondo delle carte prepagate. Io non ho ancora potuto vederla in nessuno dei luoghi che normalmente frequento p…
Scritto da Emanuele Tolomei. Pubblicato in . Lascia un commento
Nel panorama delle carte di credito prepagate online se ne possono individuare due che si sono contraddistinte particolarmente per la loro ve…
Scritto da Emanuele Tolomei. Pubblicato in . Lascia un commento
Mettiamo subito a confronto queste 2 carte di credito, senza girarci troppo intorno ( trovi le recensioni di N26 E REVOLUT in giro per il sito 🙂 ) CARAT…
Scritto da Emanuele Tolomei. Pubblicato in . Lascia un commento
OOOOOO finalmente hai trovato la soluzione per accumulare cashback da tutti gli acquisti che fai su booking.com per prenotare i tuoi viaggi e soggiorni. …
Scritto da Emanuele Tolomei. Pubblicato in . Lascia un commento
Se sei un’imprenditore, hai un’azienda, una ditta individuale o una società, devi emettere molte fatture ma sei oberato di lavoro e di conseguenza questo co…
Scritto da Emanuele Tolomei. Pubblicato in . 2 commenti
Nel settore della compravendita è sempre più diffuso il termine cashback che letteralmente significa “soldi indietro”. Si tratta praticamente del …
Scritto da Emanuele Tolomei. Pubblicato in . Lascia un commento
Da oggi parte la nuova promozione lanciata da Enel X Pay che ti da la possibilità di abbattere i costi del canone mensile per 36 mesi! Direi che non è da…
Scritto da Emanuele Tolomei. Pubblicato in . Lascia un commento
Prende le giuste precauzioni Fitch, che assegna una doppia B a Nexi per l’acquisizione dei servizi di credito Intesa San Paolo per 1Miliardo di euro. La …
Scritto da Emanuele Tolomei. Pubblicato in . Lascia un commento
Come tante altre carte di credito prepagate, anche Monese ha il suo sistema di viralizzazione basato su “invita e guadagna”, che piace soprattutto ai giovan…
Scritto da Emanuele Tolomei. Pubblicato in . Lascia un commento
Arrivato in Italia nel marzo 2018, Samsung Pay è il nuovo wallet di pagamento disponibile per chi possiede uno smartphone o uno smartwatch della casa sudcor…
Torna su